Cartellate pugliesi

Le cartellate pugliesi, conosciute anche come “crustole”, è un  dolce che non può assolutamente mancare sulle nostre tavole nel periodo natalizio.

crustole

Molto spesso vengono realizzate in casa ma se non si ha il tempo per prepararle  si comprano  in pasticceria o dal panettiere (in pratica non è Natale senza crustole). Le cartellate sono delle corone  fraganti, dal colore dorato e dal profumo di cannella e mosto cotto (o miele ). A questi ingredienti se ne aggiungono altri a seconda delle proprie  preferenze: c’è chi usa condirle con noci e/o cioccolato fondente tagliati grossolanamente, spolverizzarle con cacao amaro e/o con garofano oppure, nel caso in cui siano cosparse di miele, vengono decorate con confettini colorati. Insomma questione di gusti”.

cartellate pugliesi

Print Friendly

Cartellate pugliesi

crustole

Di admin Pubblicata: Dicembre 21, 2013

    Le cartellate sono delle corone fraganti, dal colore dorato e dal profumo di cannella e mosto cotto

    Ingredienti

    Istruzioni

    1. In un’ampia ciotola disponete la farina, aggiungete le uova(2 se sono grandi, 3 se piccole) ed iniziate a lavorare (foto 1, 2 e 3).
      ricetta cartellate pugliesi
    2. Aggiungete tutto l’olio e continuate a lavorare con le mani (foto 4).
      cartellate
    3. Riscaldate leggermente il vino e aggiungetelo gradualmente all’impasto (la quantità indicata sopra è relativa, potrebbe servirne anche un po’ meno:tutto dipende da quanti liquidi assorbe la farina). Quest’ultimo dovrà risultare elastico e sodo. Per facilitare il lavoro trasferite il composto su un piano da lavoro (foto 5 e 6).
      dolci pugliesi

    4. Ottenuto l’impasto sodo tagliate dallo stesso dei piccoli pezzi e realizzate le sfoglie con la macchina(la classica nonna papera). Partite con il primo livello fino ad arrivare al quinto. La nostra sfoglia è lunga circa 45 cm e larga 10/12 (foto 7 e 8).
      dolci natalizi pugliesi
    5. Con una rotella rifilate prima i bordi poi ricavate le strisce larghe circa 3 cm (foto 9 e 10).
      ricette cartellate

    6. Prendete una striscia e realizzate degli occhielli schiacciando gli estremi (foto 11 e 12).
      cartellate di natale
    7. Fatto ciò girate la striscia all’interno fissando gli occhielli tra loro fino ad ottenere una corona (foto 13, 14 ). Un piccolo suggerimento per ottenere una cartellata leggera:quando girate la striscia per ottenere la corona non stringete eccessivamente ma lasciate una leggera lentezza ottenendo dei piccoli vuoti.
      dolci con mosto cotto
    8. Posizionate la cartellata su una tovaglia pulita e continuate a realizzare le altre (foto 15).
      crustole
    9. Quando l’impasto è finito procedete con la cottura: in una padella larga versate abbondante olio di semi (inizialmente 1 litro ma potrebbe servirne anche più) fatelo riscaldare bene e poi, a fiamma media, immergete le crustole. Fate cuocere ambo i lati (foto 16 e 17). Estraetele quando hanno raggiunto un colore leggermente dorato.
      dolci fritti
    10. Posizionate le cartellate su carta assorbente a testa in giù per eliminare l’olio in eccesso (foto 18).
      ricetta cartellate
    11. Per il condimento: gli ingredienti e il procedimento sono soggettivi. Noi amiamo il mosto cotto distribuito a filo, noci e cioccolato fondente tritato grossolanamente,una spolverizzata leggerissima di cannella e garofalo (se lo gradite anche un po’ di cacao amaro). C’è chi preferisce immergere le crustole nel mosto cotto riscaldato a bagnomaria; chi, invece, preferisce il miele bianco e i confettini colorati.
    12. Conservate le crustole senza condirle,stese su un vassoio (per evitare che si rompano),coperte con carta e in un sacchetto per alimenti. Conditele al momento di consumarle o, al massimo, mezz’ora prima (se fatto in largo anticipo la crustola si ammorbidisce troppo e perde la sua friabilità).
    13. GUARDA LA VIDEO RICETTA
     

    About the author

    Maria e Giusy, ovvero MarGi, siamo due ragazze appassionate di cucina, ci piace sperimentare e proporre sempre nuovi piatti. Se vi fa piacere, seguiteci...