pulire i cardi

Pulire i cardi non è così laborioso come molti sostengono.

Sicuramente bisogna armarsi di pazienza (e di guanti per evitare di macchiare le mani) ma alla fine è più difficile dirlo che farlo.

Come in ogni cosa anche per la pulizia dei cardi esistono diversi modi di fare: c’ è chi li pulisce quando sono ancora crudi e chi, invece, preferisce farlo dopo la cottura. Qualunque sia il metodo che usiate per pulire i cardi bisogna prima togliere il cespo che tiene unite le coste e separarle. Il passo successivo consiste nel privare le coste dei filamenti che si trovano in superficie: ed è in questo passaggio che potete decidere se togliere i filamenti prima o dopo la cottura (in entrambi i casi serve un coltello o, per i più esperti, un pelapatate). Personalmente preferisco pulirli prima perché la costa è più rigida e i filamenti vengono tirati bene; quando, invece, sono cotti bisogna “pelare” la costa; così facendo buona parte di essa viene buttata.
Prima di lasciarvi al breve video su come pulire i cardi è bene sottolineare che questa verdura sporca le mani; quindi armatevi di guanti o strofinate un limone sui polpastrelli. Inoltre prima di pulirli preparate una ciotola con acqua acidulata (ossia acqua e succo di limone) nella quale immergerete i cardi.

Print Friendly